Torna alla home page del MIUR top
top
spacer
fasia
 
Novita'
spacer
 

fasia
 
Comunicati stampa
spacer
 

fasia
 
Scuole
- Statali
- Puglia Statali
spacer
 

fasia
 
Scuole paritarie
spacer
 

fasia
 
Scuole non paritarie
spacer
 

fasia
 
Il Nuovo Obbligo di Istruzione
spacer
 
spacer

fasia
 
Esami di stato secondaria I grado
spacer
 
spacer

fasia
 
Esami di stato secondaria II grado
spacer
 
spacer

fasia
 
spacer
 

fasia
 
La Puglia e l'Europa
spacer
 

fasia
 
Ambiti Territoriali
spacer
 

fasia
 
Formazione
spacer
 

fasia
 
CONCORSI
Dirigenti Scol.
Docenti
Ins. Religione Personale amministrativo Comandi Autonomia Scolastica
spacer
 
spacer

fasia
 
Corsi speciali abilitanti
spacer
 
spacer

fasia
 
Monitoraggi e rilevazioni
spacer
 

fasia
 
Gare di appalto
storici - Ex LSU
spacer
 
spacer

fasia
 
Protocolli d'intesa
spacer
spacer
 

fasia
 
Link
spacer
 


HTML 4.01 valido!

Valid CSS!
 
header  Novità

PROTOCOLLO D'INTESA

Tra

l'Osservatorio Provinciale per la prevenzione e la sicurezza stradale - Centro Studi e Ricerche - di Taranto, con sede in TARANTO (74100) presso gli Uffici Provinciali D.T.T. - Viale 2 giugno, 16 - Quartiere Paolo VI, in persona del Presidente Angelo PICCIRILLO di seguito denominato OSSERVATORIO TARANTO

e

Ministero dell'Istruzione - Direzione Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, con sede in Bari (70126) alla Via Castromediano n. 123, rappresentata dal Direttore Generale Dott. Giuseppe Fiori, di seguito denominato MIUR PUGLIA

PREMESSO CHE:

  • l'OSSERVATORIO TARANTO è costituito da:
    Prefetto di Taranto; Questore di Taranto; Presidente della Provincia di Taranto; Comandante Provinciale Polizia Stradale; Comandante Provinciale Carabinieri; Comandante Provinciale Guardia di Finanza; Direttore Ufficio Provinciale Dipartimento Trasporti Terrestri, Direttore Provinciale C.S.A.; Direttore Generale A.S.L./TA, Presidente Associazione Jonica Vittime della Strada "onlus"; Presidente Provinciale Ordine Forense;

  • l'OSSERVATORIO TARANTO ha fra i suoi compiti istituzionali:

    1. Sperimentazione di interventi innovativi e di natura multisettoriale, nel campo della sicurezza stradale, con particolare riferimento all'integrazione dei sistemi di analisi/monitoraggio delle condizioni di incidentalitÓ e dei fattori di rischio, con misure tese a contrastare e, tendenzialmente, eliminare i suddetti fattori di rischio;
    2. Confronto sistematico tra le Amministrazioni locali sulle tecniche di monitoraggio, sulle modalità di intervento, sulle forme organizzative, sui costi, sui vantaggi e sulle problematiche che caratterizzano le diverse forme di intervento;
    3. Sviluppare modelli di intervento miranti alla individuazione di azioni di contrasto sistematiche e al riconoscimento della problematica di riferimento e delle componenti infrastrutturali (strade o porzioni di strade) e di mobilità sostenibile;
    4. Trattare con particolare attenzione i dati relativi ai fattori di rischio determinati dal contesto ambientale (volume e composizione del traffico, assetto urbanistico o territoriale, tipologia di utenti, ecc.);
    5. Creare un repertorio ciclicamente aggiornato di metodologie, tecniche, strumenti, forme organizzative;
    6. Porre particolare attenzione agli Utenti deboli e a rischio esemplificabili, per quanto riguarda gli utenti deboli, in: pedoni, ciclisti e conducenti di motocicli e, per quanto riguarda gli utenti a rischio, in: conducenti giovani (meno di 30 anni), conducenti anziani (oltre i 64 anni), etilisti, tossicodipendenti, altre categorie particolari;
    7. Definizione di una specifica strategia di contrasto degli incidenti stradali sul lavoro e di quelli "IN ITINERE" attraverso le opportune forme di partenariato col sistema delle imprese;
    8. Realizzazione di campagne di prevenzione miranti al conseguimento di risultati efficaci: Educazione stradale, spot, manifestazioni, manualistica, gadget, che accompagni il cittadino nel processo formativo;
    9. Programmazione di corsi di Formazione e Aggiornamento in relazione ai cambiamenti evolutivi del traffico, del contesto ambientale, infrastrutturale, tecnologico, delle autovetture, degli aggiornamenti del Codice della Strada, rivolto a: Insegnanti ed Istruttori delle Autoscuole, Agenti di P.M., Docenti Scuole, Conducenti di veicoli di pronto soccorso, Conducenti ciclomotori "patentino";
    10. Istituzione di uno sportello informativo, anello di congiunzione tra pubblico e privato, per il reperimento di informazioni inerenti la sicurezza stradale;
    11. Realizzazione di un Portale Telematico, per garantire un'efficace azione di comunicazione a distanza con le diverse realtÓ Nazionali.

CONSIDERATO CHE

  • non si può svolgere attività di promozione della sicurezza stradale e di educazione stradale prescindendo dal ruolo primario e specialistico della Scuola e dei suoi Organismi Istituzionali;
  • la Direzione Provinciale C.S.A di Taranto è tra i primi firmatari del protocollo di costituzione dell'OSSERVATORIO TARANTO;
  • l'attività di educazione stradale dell'OSSERVATORIO TARANTO ha ottenuto grossi consensi sia da parte dei discenti sia da parte dei docenti delle Scuole di Taranto e Provincia che hanno partecipato ai progetti: "Save Your life"; "On the Road"; "Stradopolis" che hanno visto la partecipazione di circa 15.000 studenti di Scuole Elementari, Medie e Superiori;
  • i summenzionati progetti vengono svolti sotto la forma di miniconferenze utilizzando moduli didattici multimediali ed attrezzature tecnologiche all'avanguardia;
  • l'OSSERVATORIO TARANTO ha sottoscritto un protocollo d'intesa con la Confedertaai di Roma (associazione che raggruppa circa 1.500 autoscuole e che è parte attiva nel progetto ANCMA - Federazione Motociclistica - Ministero Pubblica Istruzione);
  • l'OSSERVATORIO TARANTO ha ottenuto, dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, un accordo di collaborazione (in fase di sottoscrizione) con tutti gli Uffici Provinciali D.T.T. delle Regioni Puglia, Basilicata, Calabria, Campania, Sicilia;
  • fra le attività istituzionali dell'OSSERVATORIO TARANTO vi è la programmazione di corsi di formazione per "esperti di educazione stradale"

CONVENGONO

di collaborare anche con il supporto di strutture all'uopo individuate, in materia di:

  • insegnamento e sviluppo dell'educazione stradale, della formazione e dell'aggiornamento alla guida per tutti gli utenti;
  • formazione di tutte le componenti che operano nel settore dei trasporti (funzionari, imprendÝtori, dirigenti, dipendenti e conducenti di qualsiasi genere);
  • istituzione in particolare di corsi periodici di aggiornamento per Insegnanti ed Istruttori di Autoscuole e per funzionari esaminatori;
  • istituzione di corsi finalizzati al rilascýo di attestato di Educatori stradali".

L'OSSERVATORIO TARANTO e il MIUR PUGLIA convengono di realizzare la collaborazione nelle sopra indicate materie al fine di supportare e fornire ai competenti Organi Ministeriali i necessari approfondimenti anche coinvolgendo altri Enti, Associazioni e imprese private che possano asservire al raggiungimento degli obiettivi.

Ministero dell'Istruzione
Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia
Il Direttore Generale
(Dott. Giuseppe Fiori)
OSSERVATORIO PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA STRADALE
TARANTO
Il Presidente
(Angelo PICCIRILLO)

Bari, 28 gennaio 2003

 
fasia
 
Archivio news
spacer

Anno 2011
spacer

Anno 2010
spacer

Anno 2009
spacer

Anno 2008
spacer

Anno 2007
spacer

Anno 2006
spacer

Anno 2005
spacer

Anno 2004
spacer

Anno 2003
spacer

Anno 2002
spacer

Anno 2001
spacer

 
spacer


Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione