Torna alla home page del MIUR top
top
spacer
fasia
 
Novita'
spacer
 

fasia
 
Comunicati stampa
spacer
 

fasia
 
Scuole
- Statali
- Puglia Statali
spacer
 

fasia
 
Scuole paritarie
spacer
 

fasia
 
Scuole non paritarie
spacer
 

fasia
 
Il Nuovo Obbligo di Istruzione
spacer
 
spacer

fasia
 
Esami di stato secondaria I grado
spacer
 
spacer

fasia
 
Esami di stato secondaria II grado
spacer
 
spacer

fasia
 
spacer
 

fasia
 
La Puglia e l'Europa
spacer
 

fasia
 
Ambiti Territoriali
spacer
 

fasia
 
Formazione
spacer
 

fasia
 
CONCORSI
Dirigenti Scol.
Docenti
Ins. Religione Personale amministrativo Comandi Autonomia Scolastica
spacer
 
spacer

fasia
 
Corsi speciali abilitanti
spacer
 
spacer

fasia
 
Monitoraggi e rilevazioni
spacer
 

fasia
 
Gare di appalto
storici - Ex LSU
spacer
 
spacer

fasia
 
Protocolli d'intesa
spacer
spacer
 

fasia
 
Link
spacer
 


HTML 4.01 valido!

Valid CSS!
 
header  Novità

PROTOCOLLO D'INTESA

tra la Regione Puglia e l'Ufficio Scolastico Regionale della Puglia per la realizzazione di percorsi formativi destinati ad alunni in particolare disagio socio-economico e culturale, miranti contestualmente all'assolvimento dell'Obbligo Scolastico e all'espletamento dell'Obbligo Formativo


La Regione Puglia e l'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia

  • Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59, recante Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa;

  • Vista la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante Istituzione del Fondo per l'arricchimento e l'ampliamento dell'offerta formativa e per gli interventi perequativi;

  • Visto il d.lgs. 31 marzo 1998, n. 112, recante Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59;

  • Vista la legge 20 gennaio 1999, n. 9, recante Disposizioni urgenti per l'elevamento dell'obbligo di istruzione;

  • Visto il D.M. 9 agosto 1999, n. 323, Regolamento recante norme per l'attuazione dell'articolo 1 della legge 20 gennaio 1999, n. 9, contenente disposizioni urgenti per l'elevamento dell'obbligo di istruzione;

  • Visto il D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275, Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59;

  • Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, recante Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all'occupazione e della normativa che disciplina l'INAIL, nonché disposizioni per il riordino degli enti previdenziali, che all'art. 68 prevede l'obbligo di frequenza di attività formative fino al diciottesimo anno di età;

  • Visto il D.P.R. 12 luglio 2000, n. 257, recante Regolamento di attuazione dell'art. 68 della legge 17 maggio 1999 n. 144, concernente l'obbligo di frequenza di attività formative fino al diciottesimo anno di età;

  • Visto il D.P.R. 6 novembre 2000, n. 347, Regolamento recante norme di organizzazione del Ministero della Pubblica Istruzione;

  • Vista la legge 10 marzo 2000, n. 62, recante Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all'istruzione;

  • Vista la legge Regione Puglia 7 agosto 2002, n. 15 "Riordino della formazione professionale";

  • Visto l'Accordo fra Ministero della Pubblica istruzione, Regioni e Province autonome, Province, Comuni e Comunità montane per l'esercizio in sede locale di compiti e funzioni in materia di erogazione del servizio formativo di rispettiva competenza, sancito dalla Conferenza Unificata nella seduta del 19 aprile 2001;

  • Visto l'accordo di collaborazione per l'attuazione dell'obbligo formativo sottoscritto l'11/6/2001 fra le parti;

  • Visto il protocollo d'intesa fra Regione Puglia, Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 24 luglio 2002;

  • Considerato che l'obbligo scolastico e obbligo formativo costituiscono parti di un'offerta formativa unitaria, da realizzarsi in modo integrato fra istruzione e formazione, pur nella specificità dei due segmenti;

  • Considerato che nel territorio della Regione è diffuso il fenomeno di adolescenti che, pur non avendo assolto all'obbligo scolastico, intendono iscriversi a corsi di formazione professionale;

  • Considerato che tale intendimento è da ritenersi positivo, rispetto all'alternativa di totale mancanza di frequenza di attività formative, che destinerebbe i giovani interessati alla definitiva marginalizzazione, rispetto al contesto sociale di appartenenza e che si rende, dunque, urgente attivare interventi mirati fin dall'a.s. 2002/2003;

  • Considerato che l'art. 7 del citato D.M. 9 agosto 1999, n. 323 prevede "iniziative sperimentali di assolvimento dell'obbligo con i centri di formazione professionale riconosciuti, in particolare per gli alunni iscritti in tali centri", gestite da istituzioni scolastiche e centri di formazione professionale, nell'ambito di apposite convenzioni;

  • Considerato che occorre, a tale scopo, anche in vista della realizzazione degli specifici accordi previsti dall'art. 6 del Protocollo d'intesa del 24 luglio, citato in premessa, e relativi alla definizione di programmi di intervento per nuovi modelli sperimentali nel sistema d'istruzione e di formazione:
    1. facilitare i rapporti tra le istituzioni scolastiche statali e paritarie e gli enti di formazione accreditati;
    2. favorire accordi e progetti locali per la lotta all'insuccesso ed alla dispersione scolastica e formativa;
    3. realizzare le condizioni affinché istituzioni scolastiche e centri di formazione professionale accreditati interagiscano e sviluppino azioni in partenariato;

stipulano quanto segue:

Art. 1
(Oggetto dell'intesa)

  1. L'oggetto del presente protocollo d'intesa consiste nell'attuazione di percorsi formativi per alunni in particolare disagio socio-economico e culturale, compresi gli alunni disabili, che non hanno assolto l'obbligo scolastico e sono soggetti all'obbligo formativo. I destinatari saranno individuati dalle scuole e dai centri di formazione professionale, anche con l'ausilio dell'anagrafe degli alunni soggetti all'obbligo istituita a partire dal 2001, ai sensi del citato regolamento di attuazione dell'art. 68 della legge n. 144/99.

Art. 2
(Criteri di attuazione)

  1. La modalità di attuazione dell'iniziativa consisterà nella realizzazione di progetti pilota, finalizzati a introdurre i percorsi formativi, di cui al precedente art. 1, mirati al conseguimento della licenza media e/o al proscioglimento dall'obbligo scolastico.
  2. Per la realizzazione degli obiettivi dell'intesa, le parti si impegnano a mettere a disposizione le strutture tecniche e le reciproche risorse professionali, attivando anche congiuntamente le modalità e gli strumenti che riterranno necessari all'efficace svolgimento degli interventi.
  3. I progetti formativi verranno proposti dai centri di formazione professionale, nell'ambito degli avvisi pubblici che periodicamente la Regione emanerà, e dovranno contenere obbligatoriamente una intesa sottoscritta con un Istituto Scolastico di 1° o 2° grado, a seconda che gli interessati abbiano conseguito o meno il diploma di licenza di scuola media, con i criteri di cui all'accordo sottoscritto tra la Regione Puglia e la Direzione Scolastica Regionale di Puglia in data 11/6/2001.
    Rispetto a tale intesa, i progetti dovranno contenere, all'interno del percorso complessivo di 2400 ore, un ulteriore modulo propedeutico di 150 ore, da realizzare anche nel centro di formazione professionale, ma gestito dall'istituto scolastico partner, finalizzato al conseguimento di una certificazione attestante l'assolvimento dell'obbligo scolastico.

Art. 3
(Metodologie)


I progetti pilota dovranno articolarsi su alcune linee metodologiche comuni:

  • realizzare il completamento dell'obbligo mediante una didattica fortemente orientativa, che dovrà caratterizzare il modulo di 150 ore;
  • prevedere percorsi formativi articolati in unità formative capitalizzabili e certificabili, al fine di costituire il "capitale formativo" con cui ogni alunno possa esercitare il diritto alla mobilità verticale, proseguendo negli studi, o orizzontale, spostandosi da un indirizzo di studi all'altro e da un sistema formativo a un altro;
  • dare il giusto peso agli apprendimenti di tipo laboratoriale, pur inserendo nel percorso formativo U.F.C. di competenze di base e trasversali.

Art. 4
(Risorse finanziarie)


Le parti si impegnano ad individuare e a definire, per ogni anno scolastico, le risorse finalizzate all'attuazione della presente intesa, nonché a ricercare e rendere disponibili ulteriori risorse finanziarie.

Art. 5
(Durata dell'accordo)


Il presente accordo ha validità di tre anni dalla data di sottoscrizione e può essere, d'intesa tra le parti, modificato, nonché rinnovato o prorogato alla scadenza.

Art. 6
(Norma transitoria)


Per l'anno 2002/03 le iniziative sperimentali di assolvimento dell'obbligo scolastico per gli allievi che, non avendo assolto all'obbligo scolastico, si iscrivono ai centri di formazione professionale si realizzeranno nell'ambito delle attività approvate con i finanziamenti della misura 3.2 del POR Puglia 2000-2006, previo adattamento del programma della prima annualità, che dovrà prevedere quanto previsto al secondo paragrafo del terzo comma dell'art. 2 della predetta intesa.

Bari, 29 ottobre 2002

Per la Regione Puglia
L'ASSESSORE
Avv. Andrea Silvestri
IL DIRETTORE GENERALE dell'Uff. Scolastico Reg.le per la PUGLIA
Dott. Giuseppe FIORI
 
fasia
 
Archivio news
spacer

Anno 2011
spacer

Anno 2010
spacer

Anno 2009
spacer

Anno 2008
spacer

Anno 2007
spacer

Anno 2006
spacer

Anno 2005
spacer

Anno 2004
spacer

Anno 2003
spacer

Anno 2002
spacer

Anno 2001
spacer

 
spacer


Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione